L'interruzione causata dal problema globale di Internet è stata risolta. Tutte le applicazioni funzionano di nuovo senza problemi. Vi ringraziamo per la vostra pazienza.

Confrontare in modo affidabile i propri progetti con la best practice

Se i dati sono l’olio che lubrifica gli ingranaggi del mondo odierno, i dati dell’edificio, contenuti in werk-material.online, ne sono il riferimento. Affinché gli utenti possano trarre conclusioni affidabili sul proprio progetto dalle cifre e dai valori di riferimento, devono confrontarsi con la materia prima: «werk-material». Questo articolo ne spiega il funzionamento e quali ulteriori sviluppi sono previsti. 

Dr. Urs Wiederkehr è ingegnere civile e responsabile del settore «Processi digitali» presso la SIA.

29.06.2023

Creare qualcosa di nuovo è impegnativo. I progettisti nel campo della costruzione lo sanno molto bene. Già dalle prime bozze di progetto e dai primi schizzi sorgono delle domande: Quanto costa? Possiamo fare affidamento su queste cifre? Possiamo garantirle? Gli uffici di progettazione che operano da anni sul mercato, sono avvantaggiati in quanto possono accedere al loro bagaglio di esperienze, i loro oggetti.

Dal 2019, anche per tutti gli altri è disponibile un’alternativa interessante che consente di consultare in modo dettagliato i dati di oltre 1’000 edifici: werk-material.online. La rivista «werk, bauen + wohnen» e il CRB sono gli ideatori di questa applicazione web. L’Ufficio federale di statistica UST e la Società svizzera degli ingegneri e degli architetti SIA, ne fanno parte in qualità di partner.

L’acquisto di una licenza werk-material.online è il primo passo da fare per poter accedere a tutti i dati che questa applicazione offre. Ma ciò funziona solo se i dati di «werk-material» vengono elaborati e applicati ai propri oggetti.

I vantaggi della versione online

Da 40 anni, «werk-material» è parte integrante di «werk, bauen + wohnen». Le schede tecniche di «werk-material» sono facilmente estraibili per essere ben custodite. Ogni mese sono disponibili due nuove schede tecniche. Chi, nel corso degli anni, ha seguito gli oggetti pubblicati ne ricorderà al progetti. Per contro, chi nel 2023 riceve in una sola volta 800 schede tecniche in formato cartaceo, avrà comprensibilmente delle difficoltà a rintracciarle e conservarle. È qui che werk-material.online, in formato digitale, viene in loro soccorso. Prendendo spunto dal libro «Unverfügbarkeit» del sociologo tedesco Hartmut Rosa, si può dire che «werk-material» in formato cartaceo, non è di facile accesso per la maggior parte degli utenti, perché questo formato non permette una visione d’insieme. Solo il formato digitale, che rende tutto confrontabile e reperibile grazie a una chiara presentazione dei dati, rende questa preziosa raccolta ampiamente accessibile.

Differenze/Distinzioni

Che mondo sarebbe senza differenze e senza distinzioni fra le cose? Possiamo immaginarcelo? Questo testo sarebbe illeggibile, sbiadito. Ma non sarebbe nemmeno possibile innovare, migliorare o creare qualcosa di nuovo. Se confrontiamo le situazioni della nostra vita, tutto si basa sulle nostre capacità nel fare delle distinzioni, nell’essere in grado di distinguere, valutare e classificare gli accadimenti in base a criteri differenti. Che si tratti di competizioni sportive, concorsi architettonici, confronti di varianti o del miglioramento della qualità di vita, tutto ciò non sarebbe possibile senza poter riconoscere, valutare e ottimizzare le differenze.


Contro la solitudine del progettista

Fin dalle prime fasi di progettazione, il progettista deve adempiere da solo ai suoi compiti. Sebbene non si conosca ancora l’impronta definitiva dell’opera, il progettista dovrebbe già essere in grado di fornire delle informazioni dettagliate, sull’aspetto, sulle differenti caratteristiche e, in base a queste, soprattutto sui costi. La prima cifra sui costi presenta spesso delle insidie, non a caso si parla di «maledizione della prima cifra». Questa cifra viene richiesta con insistenza, non viene mai ignorata, anche se menzionata senza troppe garanzie o ipotizzata dalla controparte. Può darsi che ci sia anche una certa pressione dovuta alla tempistica o che la progettazione sia ancora piena di incertezze. In questi casi, sarebbe più semplice potersi basare al cento per cento su qualcosa di esistente e collaudato, copiarlo e proporlo al committente. Diverse ragioni si oppongono a questo approccio, non solo quelle legali (diritti d’autore), anche quelle di evitare di costruire un ambiente monotono o quelle del tutto personali, come non poter far capo alla propria creatività. Il monitoraggio delle differenze è il segreto per un buon utilizzo di werk-material.online. Dapprima però, queste differenze devono poter essere descritte e identificate.


La descrizione rappresenta una sfida

«La descrizione del mondo non è il mondo stesso. È una banalità, ma ha conseguenze significative», come afferma il sociologo tedesco Armin Nassehi nel suo libro «Unbehagen – Theorie der überforderten Gesellschaft». E aggiunge «… il mondo è accessibile solo attraverso le descrizioni, attraverso il suo raddoppio simbolico, …». Ciò che vale per la scrittura, vale ovviamente anche per l’espressione orale: «Il problema dell’espressione orale è che è sempre possibile parlare in modo diverso …» e «… non tutto può essere designato, certamente non contemporaneamente». Se questa sfida si pone già nel descrivere il mondo attuale, come sarà nel mondo futuro? Cioè nell’ambiente progettato e costruito o per la messa in atto della visione della SIA: «Insieme per creare un ambiente di vita sostenibile». Tutti i progettisti si muovono all’interno di questo intervallo rispetto alla costellazione di base. Secondo il Duden, il dizionario della lingua tedesca, un piano è sempre un’idea di un progetto definito che deve essere realizzato. Il piano può cambiare continuamente e avvicinarsi al risultato finale in fasi ripetitive, basate su risultati intermedi.

werk-material.online si basa su una griglia standardizzata in cui il valore specifico dell’oggetto viene indicato secondo una proprietà o un attributo (p.es. «Programma degli spazi»). Talvolta questi valori sono espressi tramite testi, talvolta in cifre. Alcuni attributi possono anche essere vuoti, p.es. perché il valore non è stato rilevato o semplicemente perché è sconosciuto. In effetti, questa mancanza non influisce sull’’applicazione. Anzi, permette di avere un maggior numero di oggetti disponibili rispetto a quelli che sarebbero stati rilevati con tutti gli attributi selezionati.


Tipi di opere e anno di realizzazione

Il tipo di opera (edificio scolastico, casa plurifamiliare, ecc.) e l’anno di realizzazione sono parametri importanti che permettono di restringere rapidamente il numero di oggetti e di ottenere velocemente una panoramica degli stessi. Per il confronto è possibile selezionare fino a quattro oggetti.

Differenze secondo le informazioni, tra cui le superfici SIA e l’energia

Innumerevoli attributi permettono di approfondire la conoscenza degli oggetti: elenchi dei partecipanti al progetto o valutazioni sui costi, p.es. secondo il CCC 2017. È pure possibile effettuare delle analisi: gli oggetti selezionati vengono p.es. rappresentati come punti in un grafico e confrontati fra loro (vedi figura 1). Si capisce subito se si tratta di un valore non attendibile che probabilmente non è adatto al confronto. In questo caso è consigliabile scegliere un altro oggetto. Il numero di attributi viene continuamente ampliato.

A disposizione vi sono pure le quantità della norma SIA 416:2003 « Superfici e volumi di edifici» (p.es. superficie del fondo SF o superficie di piano SP). Disponibili per il confronto vi sono inoltre i valori energetici (v. figura 2). Questi valori sono stati calcolati in base alle norme SIA relative all’impiantistica e all’energia. Le definizioni esatte dei valori possono essere consultate tramite la banca dati SIATerm. In questo sito si possono trovare la terminologia delle norme, dei regolamenti e die quaderni tecnici della SIA.

Differenze secondo le regioni e il periodo di costruzione 

Fino a due anni fa l’inflazione in Svizzera non aveva alcun ruolo, al punto che le valutazioni sull’inflazione sono state gradualmente dimenticate. La situazione attuale è diversa. L’indice dei prezzi della costruzione, calcolato semestralmente dall’UST (settore della costruzione: totale, tutta la Svizzera) è aumentato del 2,4% dal 2010 al 2020, ma del 12,7% dal 2020 al 2022. Se si osservano le grandi regioni, si notano notevoli differenze: in Ticino più 9,8%, nella Svizzera nord-occidentale più 15,3%. Tramite werk-material.online è possibile considerare le varie regioni per verificare questa differenza. 


Differenze secondo le grandezze di riferimento

La maggior parte delle cifre può essere calcolata in termini assoluti, ma anche in relazione a diversi parametri di riferimento, come metri quadrati di superficie o volume dell’edificio. Un valore di riferimento risulta dal rapporto fra un costo e una quantità di riferimento (p.es. costi in CHF/m3 del volume dell’edificio). È così possibile confrontare oggetti di varie grandezze. Bisogna però procedere con cautela. Occorre analizzare nel dettaglio, caso per caso, se tutti gli ordini di grandezza possono essere calcolati in maniera lineare verso l’alto e verso il basso.


Differenze secondo gli elementi di calcolo

Se, per un periodo definito, sono disponibili anche gli elementi di calcolo dettagliati e le relative quantità, è possibile dedurre i costi per quel periodo. Per circa 100 elementi di calcolo, l’UST rileva due volte all’anno questi valori di riferimento nelle sette grandi regioni della Svizzera. Questi vengono estrapolati dalle posizioni normalizzate e riprodotti secondo la struttura del Codi ce dei costi di costruzione per elementi Edilizia eCCC-E.

I dati vengono regolarmente adattati e completati:

  • Ogni mese vengono messi a disposizione almeno due nuovi oggetti.
  • L’Ufficio federale di statistica UST rileva semestralmente i valori di riferimento dagli elementi di calcolo e li pubblica a giugno e dicembre nel pacchetto «UST Valori di riferimento per gli elementi di calcolo».
  • Tutti gli oggetti sono collegati all’indice semestrale dei prezzi della costruzione Figura 3: Nuovo strumento di analisi che completa i piani con le tre dimensioni. Un servizio CRBNOTIZIARIO | BULLETIN CRB | 2.23 dell’UST. In questo modo i singoli oggetti possono essere convertiti al livello attuale dei prezzi in Svizzera o di una delle sette grandi regioni svizzere (regione del lago Lemano, Altipiano, Svizzera nord-occidentale, Zurigo, Svizzera orientale, Svizzera centrale o Ticino).

Quindi, dal punto di vista dei costi, tutti gli oggetti sono aggiornati. Ciononostante, l’utente deve prestare attenzione, poiché gli indici dei prezzi della costruzione sono valori ponderati ricavati da rilevazioni e non riflettono fedelmente la reale situazionedei prezzi del singolo oggetto.

Ampliamento continuo di werk-material.online

Attualmente sono in corso diverse riflessioni su come ampliare questo strumento di lavoro:

  • Occorre aumentare il numero di oggetti. Un’indagine precoce di oggetti interessanti sarebbe possibile durante la certificazione dei programmi SIA in relazione alla conformità con i regolamenti SIA 142:2009 «Regolamento dei concorsi d’architettura e d’ingegneria» e 143:2009 «Regolamento dei mandati di studio paralleli d’architettura e d’ingegneria». Secondo l’importanza dell’oggetto e previo consenso delle parti in causa, questi potrebbero essere accompagnati da pubblicazioni. Il gruppo di lavoro potrà così disporre di dati più completi e di un valore aggiunto per l’applicazione. 
  • Nel corso del progetto, nascono nuove conoscenze, si manifestano nuove condizioni quadro e anche nuove condizioni locali. Questi nuovi presupposti fanno sì che un oggetto subisca importanti cambiamenti rispetto all’idea iniziale. Purtroppo, questi passi sono poco documentati. Se i dati del progetto, anche quelli incompleti, venissero archiviati regolarmente, si potrebbero trarre interessanti lezioni, anche per quanto riguarda la protezione dei monumenti storici.


Conclusioni

werk-material.online è uno strumento completo per ottenere cifre e valori di riferimento di diversi tipi di opere. Il suo utilizzo consiste nel trovare, analizzare e valutare attentamente le differenze tra gli oggetti di riferimento e il progetto su cui l’utente sta lavorando. La sua applicazione fornisce alla fine un giustificativo, cioè una prova tracciabile delle decisioni prese. È necessario verificare se una differenza riscontrata sia determinante ai fini dei costi del proprio oggetto. Ciò permette di giustificare la scelta dei valori di riferimento nei confronti del committente e delle altre parti interessate. Nemmeno werk-material.online può garantire un’affidabilità assoluta delle cifre. Fornisce tuttavia una linea direttrice e delimita i valori possibili. Questo riferimento alla best practice crea confidenza. Esso si basa su quanto fatto da altri e permette di risalire alla fonte dei dati. Ciò favorisce il dibattito e permette di portare dei miglioramenti. In ogni caso, vale la pena di utilizzare werk-material.online. Come per tutti gli strumenti interattivi, la dimestichezza viene rafforzata ad ogni utilizzo, così da rendere più facile il compito la volta successiva. Solo attraverso un utilizzo ripetuto e apprendendo quindi dalla pratica, si potrà raggiungere lo status di esperto.

Per il futuro si prevede di continuare con la presentazione di werk-material.online. 

Pacchetto «Tipi di opere werk-material.online»

Descrizione
Contiene i dati di oltre 1'000 oggetti suddivisi secondo CCC ed eCCC. I valori di riferimento definiti in modo univoco aiutano nell’analisi, nel calcolo e nel confronto dei costi di costruzione. Grazie a queste informazioni è possibile ricavare risultati preziosi per i propri progetti.

Destinatari
Progettisti che nelle fasi iniziali del progetto desiderano utilizzare delle informazioni, e non solo i costi, su opere interessanti già realizzate.

Parti coinvolte
Redazione «werk, bauen + wohnen» nonché CRB come gestore della piattaforma.

Tassa annuale di licenza per l’utilizzo
CHF 515.– + IVA

 

Pacchetto «UST Valori di riferimento per gli elementi di calcolo»

Descrizione
I valori medi di riferimento sono disponibili (semestralmente a giugno e dicembre) per ca. 100 elementi di calcolo nel settore edilizia. Essi forniscono ai progettisti in Svizzera una base rappresentativa per il livello dei prezzi nelle rispettive regioni e li supportano nel calcolo dei loro oggetti.

Destinatari
Progettisti che desiderano calcolare i loro oggetti con valori di riferimento affidabili per gli elementi di calcolo secondo eCCC-E 2020 (o 2012).

Parti coinvolte
I dati sono prodotti dall’Ufficio federale di statistica UST e messi a disposizione dal CRB.

Tassa annuale di licenza per l’utilizzo
CHF 515.– + IVA

 

I soci CRB, gli abbonati a «werk, bauen + wohnen» e i soci SIA ricevono uno sconto del 15% sulle tasse di utilizzo di cui sopra.

  • I dati esistenti sono stati completati con i valori energetici (figura 2) e i valori di «Superfici e volumi di edifici» secondo la norma SIA 416:2003 (quantità SIA).
  • L’interfaccia utente è stata ottimizzata sulla base dei suggerimenti degli utenti.
  • L’Editor delle opere è stato ottimizzato e permette la conversione tra le diverse classificazioni dei costi standardizzate CRB, ma anche l’analisi più precisa dei piani di ogni tipo, tra cui l’aggiunta della tridimensionalità (figura 3).
  • Un nuovo manuale per l’utente consente di acquisire in modo autodidattico tutte le possibilità offerte da werk-material.online.
  • Valori di riferimento Oggetti: mensilmente vengono messi a disposizione due nuovi oggetti.
  • Valori di riferimento Elementi di calcolo: vengono aggiornati a giugno dall’UST. Altri aggiornamenti in dicembre.